LE RICETTE DEL DIALOGO: un bando della Città di Torino per sostenere un sistema alimentare sostenibile e inclusivo

Veuillez nous excuser, mais le contenu que vous regardez n'a pas encore été traduit dans la langue que vous avez sélectionné

La Città di Torino ha attivato un Bando di idee che premierà le migliori esperienze sul territorio cittadino e della Città metropolitana, legate al cibo e all’integrazione.

Sono stati stanziati 21.600 Euro che permetteranno di realizzare almeno 8 attività, ognuna delle quali riceverà un contributo massimo di 2.700 Euro. I fondi sono messi a disposizione dal progetto “Le ricette del dialogo - Cibi e storie per l’intercultura e l’integrazione” promosso dall'Ong LVIA, finanziato all’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo e realizzato in partenariato con diversi enti piemontesi: Slow Food, l'associazione Renken, la cooperativa del commercio equo e solidale Colibrì, le associazioni della diaspora africana ASBARL e Panafricando,  la Città di Torino e la Regione Piemonte. 

Le azioni dovranno dimostrare di concorrere agli obiettivi indicati dall’art. 2 dello Statuto della Città di Torino che ha introdotto il riconoscimento del diritto al cibo in città.

Il Bando, emanato nel quadro del Regolamento sulle modalità di erogazione di contributi e di altri benefici economici (n. 373) della Città di Torino, intende supportare azioni della società civile e della cittadinanza che contribuiscono a migliorare il sistema alimentare locale urbano e metropolitano.

Il Bando intende valorizzare le seguenti proposte:

  • azioni volte alla creazione di sistemi alimentari locali rispettosi delle diversità culturali, che promuovono l’avvicinamento, la relazione e il dialogo tra le culture delle diverse comunità che vivono a Torino e nell’area metropolitana
  • azioni di dialogo interculturale attraverso il linguaggio del cibo, azioni orientate alla riduzione degli sprechi e all’introduzione di pratiche di produzione, distribuzione e consumo che rispettino l’ambiente, le persone e il territorio
  • azioni che si svolgono in spazi pubblici come mercati rionali, case di quartiere, biblioteche civiche, ecc.
  • azioni di promozione e comunicazione sul commercio equo e solidale, le sue filiere e i suoi progetti che coinvolgono produttori in Italia e nel sud del mondo (economia carceraria, beni confiscati alle mafie, inserimento lavorativo)

Alcuni esempi di attività ammissibili: orti urbani sociali o condivisi, cucine sociali, micro-catering, mercati di contadini o gruppi di acquisto locale, creazione di reti di cittadini per il cibo, azioni di educazione alimentare e nutrizionale, iniziative di solidarietà alimentare con i più vulnerabili (senzatetto, profughi, nomadi, ecc.), riduzione/riutilizzo degli scarti alimentari, show cooking, azioni di ricerca azione sociale e partecipata, azioni di comunicazione (campagne, sviluppo di applicazioni per cellulare o tablet e altro).

Possono partecipare:

  • associazioni che abbiano sede o che svolgano la loro attività sul territorio comunale e che siano iscritte nell'apposito registro comunale o regionale
  • comitati formalmente costituiti che abbiano sede o che svolgano la loro attività sul territorio comunale
  • altri soggetti no profit con personalità giuridica, che abbiano sede o che svolgano la loro attività sul territorio comunale.

La presentazione delle domande, secondo le modalità previste dal bando, dovrà avvenire entro il 14 dicembre 2018 - ore 12:00

Il BANDO 

LVIA - Via Mons. Peano 8 b - 12100 Cuneo - c.f. 80018000044 - Contatti
Area Riservata - Privacy