Abbiamo riso per una cosa seria sostiene l'agricoltura familiare in Burundi

Veuillez nous excuser, mais le contenu que vous regardez n'a pas encore été traduit dans la langue que vous avez sélectionné
in

ISI IDUTUNZE - La terra che ci dona la vita: l'impegno LVIA in Burundi

Il 90% della popolazione burundese si dedica all’agricoltura familiare, un’agricoltura per lo più di sussistenza che non riesce sempre a garantire cibo sufficiente. Grazie ad una strategia elaborata con le comunità locali LVIA ha strutturato dei servizi agricoli ed investito sulla formazione degli agricoltori nelle province di Ruyigi e Rutana, in modo che le famiglie possano vivere del proprio lavoro e nello stesso tempo migliorare la qualità e la quantità dell’alimentazione. Attraverso l’organizzazione dei produttori in associazioni e federazioni e la realizzazione di strutture di prossimità nei villaggi, come i Centri di Servizio Rurale, i contadini possono ottenere sementi, macchinari e attrezzi per la produzione e la trasformazione delle materie prime, accedere al microcredito e all’organizzazione di un’efficiente filiera di commercializzazione dei prodotti.
 
Il principio su cui si basano le attività è “Insieme è meglio”, cioè è più vantaggioso aggregare le produzioni, ad esempio per una presenza più forte sul mercato, piuttosto che fare tutto da sé, che è invece l’abitudine. Le comunità, seppur di gruppi e idee politiche diverse, hanno in comune il desiderio di sviluppo. Allora, l’impatto del progetto va oltre… diventa un terreno d’intesa per costruire sinergie, minimizzando le tendenze divisorie nella società. Hutu e Tutsi insieme si riconoscono in un’unica forma di organizzazione ed in un obiettivo per il benessere comune.

Il progetto ISI IDUTUNZE di LVIA è sostenuto dalla Campagna "Abbiamo riso per una cosa seria", che propone di riflettere sulla necessità di sostenere il modello dell’agricoltura familiare come una delle risposte a livello locale alla fame, che colpisce ancora 800 milioni di persone che vivono in condizioni di povertà estrema. Nell’agricoltura familiare l’apporto qualificato e peculiare dei piccoli produttori dipende proprio dall’essere costituiti in famiglia, dall’essere quindi fondati sulla vocazione ad abitare la terra con uno spirito di rispetto, di custodia e di sviluppo del creato per tutti, generazione dopo generazione in modo sostenibile.

L’agricoltura familiare mette così al centro le famiglie, in particolare le donne e i giovani, protagoniste dello sviluppo territoriale, restituendo alle comunità il diritto di produrre gli alimenti necessari al loro sostentamento attraverso un modello di produzione legato alla tradizione dei territori e in grado di apportare un miglioramento della qualità della vita.

LVIA - Via Mons. Peano 8 b - 12100 Cuneo - c.f. 80018000044 - Contatti
Area Riservata - Privacy