Eventi

Scendo in campo: le ICT contro lo spreco, per il diritto al cibo

L'azione LVIA all'interno del progetto Ong 2.0:

 

VISUALIZZA LO STORIFY DELL'EVENTO!

 

LVIA, nell’ambito del progetto ONG 2.0. Cambiare il Mondo con il web” – promosso dall’ONG CISV in associazione temporanea di scopo con le ONG: ACCRI, ADP,CeLIM, COPE, EsseGiElle, LVIAefinanziato dal Ministero Affari Esteripropone la realizzazione di un evento pubblico a Torino con l’obiettivo di far incontrare, nella speranza che da quest’incontro possano concretizzarsi delle collaborazioni future, gli esponenti del mondo ICT, gli agricoltori e i loro rappresentanti e altri stakeholder che ruotano attorno alla filiera produttiva del cibo per valutare la fattibilità dello sviluppo di un’applicazione/piattaforma che attraverso l’impiego di ICT metta in connessione agricoltori e cittadini per la lotta allo spreco alimentare nelle fasi di raccolta e post-raccolta.

L'evento avrà luogo il 28 aprile p.v. presso il Centro Congressi della Regione Piemonte, in Corso Stati Uniti 23 a Torino

La giornata è strutturata su due moduli:

- un incontro aperto con l’obiettivo di scambiare esperienze rispetto alle buone pratiche o aprire prospettive progettuali che nel Nord come nel Sud del Mondo vedano le tecnologie della comunicazione e dell’informazione attive al servizio della riduzione dello spreco alimentare in generale;

Tavoli di lavoro, durante i quali produttori agricoli,rappresentanti dei consumatori, associazioni di categoria, ricercatori e docenti, esperti di ICT, possano confrontarsi e scambiare idee con l'obiettivo di verificare lafattibilità dell'utilizzo di queste tecnologie applicate al tema specifico della riduzione dello spreco nelle fasi di raccolta e post-raccolta, incentivando la pratica della spigolatura sociale.

Obiettivo:

È fondamentale, ai fini dello studio di fattibilità, conoscere le esigenze, il parere ed eventuali proposte di tutti i ‘portatori d’interesse’, mettendosi in ascolto delle competenze degli esperti di ICT (cercando di coinvolgere nuove startUP, studenti dell’Università e del Politecnico di Torino),che sapranno indicare come la tecnologia potrebbe favorire questo tipo di servizio e di lotta allo spreco.

L’idea da cui partire nel confronto è quella di poter mettere a disposizione di contadini, produttori diretti e piccole aziende agricole uno strumento informatico da utilizzare per facilitare l’incontro fra produttori (con eccedenze a disposizione), e consumatori/spigolatori. Il tutto semplicemente utilizzando uno smartphone dove poter inserire la qualità e quantità di prodotto non raccolto. Dall’altra parte, ci sarà il potenziale “spigolatore” che deciderà se e quale produttore contattare per effettuare (da solo o in gruppo) la spigolatura in campo.

In questa fase di confronto aperto, si dovrà anche identificare il territorio su cui attuare un primo progetto pilota, con l’auspicio che esso sia riproducibile in altri contesti e ad altre scale. Un’attenzione particolare sarà inoltre riservata alle modalità di coinvolgimento nel progetto delle  “fasce deboli” della popolazione, che la crisi economica rende ancora più vulnerabili.

L’IMPEGNO LVIA PER IL DIRITTO AL CIBO

LVIA è impegnata in Africa e in Albania a garantire la sicurezza alimentare, rafforzando le filiere locali, aiutando i contadini nel mantenere le colture locali che meglio si adattano alle condizioni ambientali e alla difesa della biodiversità, sostenendo un modello di agricoltura familiare e promuovendo la piccola impresa agricola, appoggiando la creazione e il consolidamento di associazioni e movimenti contadini perché possano essere sempre più attori capaci di presentare e difendere le istanze e i bisogni del mondo contadino.

In ItaliaLVIA è impegnata con azioni di sensibilizzazione, di informazione, ma anche di advocacysulla necessità di partire dalla scelta individuale di ciascuno nell’adottare stili di vita sostenibili, per arrivare allo sforzo delle collettività, delle società nazionali ed internazionali e dei governi nel promuovere politiche e azioni efficaci per la lotta allo spreco alimentare.

LVIA aderisce a CISA - Italia(Comitato Italiano per la Sovranità Alimentare), una rete di oltre 270 associazioni di categoria, organizzazioni non governative, sindacati, associazioni e movimenti sociali ed ambientalisti che hanno deciso di unirsi in una piattaforma italiana per sostenere la Sovranità Alimentare e tutte le questioni ad essa collegate.  Nel 2014 LVIA ha aderito alla campagna “Una sola famiglia umana, cibo per tutti: è compito nostro”, promossa da FOCSIV e CARITAS-Italiana che propone il cambiamento del modello di sviluppo a partire dagli stili di vita di ciascuno per combattere – individualmente e socialmente – lo spreco alimentare.

In continuità con le azioni promosse nel Nord e nel Sud del Mondo e a fronte dell’allarmante situazione relativa soprattutto allo spreco “a monte”, LVIA ha cominciato a riflettere sull’importanza di intervenire con attività capaci di unire gli aspetti della lotta allo spreco in campo, il supporto agli agricoltori, ma anchela promozione di azioni di cittadinanza attiva.

 

"Fuori piove dentro pure: passo a prenderti?". L'11 marzo a Torino LVIA organizza un incontro con l'autore

Mercoledì 11 marzo LVIA, in collaborazione con la Circoscrizione 7 di Torino, organizzano un incontro ANTONIO DIKELE DISTEFANO per la presentazione del suo nuovo libro “Fuori piove, dentro pure, passo a prenderti?” Edito da Mondadori. L'appuntamento è dalle 11.30 alle 14 in Lungo Dora Agrigento 94, presso la Biblioteca Civica Italo Calvino.

Il libro racconta della storia di Linda e Antonio, due ragazzi innamorati che non possono stare insieme a causa dei pregiudizi della madre di lei. Il testo è stato scritto di getto, inseguendo le emozioni, passando da un'immagine all'altra, con frasi breve, uno stile da social network; le pagine sono cariche di sentimento che fanno pensare però ai problemi reali di quest'Italia, che ancora finge di non essere pronta a diventare davvero multiculturale.

Nasce così, con semplicità, il caso letterario del momento: Antonio Dikele Distefano, 22 anni, è un italiano di seconda generazione, figlio di migranti angolani, nato a Busto Arsizio ora vive a Ravenna.

Il 3 febbraio è uscito per la Mondadori la sua opera prima narrativa: "Fuori piove, dentro pure, passo a prenderti?". I suoi fan lo hanno già letto, perché Distefano lo aveva pubblicato in "free download" su Amazon ottenendo un grandissimo successo: 10mila lettori soltanto grazie al passaparola. In poco tempo il volume ha scalato le classifiche di Amazon e il successo sul web ha spinto anche una grossa casa editrice come la Mondadori ad accorgersi di lui. 

Antonio sta girando l'Italia, incontra soprattutto le scuole per parlare ai giovani da giovane, per parlare di amore, felicità e di intercultura.

E' consigliata la prenotazione.

Per info: Vanessa cell. 3381966757, mail: vanessaufficio@gmail.com - italia@lvia.it

Segui l'evento facebook

Giornata mondiale dell'Acqua 2015 - Una settimana di eventi con LVIA

Il 22 marzo è la Giornata Mondiale dell’Acqua, un’occasione per accendere i riflettori sul problema del diritto all’acqua e la sostenibilità ambientale. L’argomento è particolarmente delicato e di grande rilevanza perché ancora oggi la maggior parte dei modelli economici, dominati dalla logica della produttività, non rispettano i delicati e preziosi ecosistemi di acqua dolce. Questo porta ad un uso non sostenibile delle risorse idriche e al degrado degli ecosistemi stessi.

Inoltre, la crescita economica e la ricchezza individuale - soprattuto nei Paesi del Nord del Mondo - stanno spostando le diete da prevalentemente a base di amido a diete più ricche di carne e latticini, che richiedono più acqua. Produrre 1 chilo di riso, per esempio, richiede circa 3.500 litri di acqua, mentre 1 chilo di carne di manzo circa 15.000 litri. Secondo le Nazioni Unite (UnWater), questo cambiamento nelle diete è il più grande impatto sul consumo di acqua negli ultimi 30 anni, ed è destinato a continuare ancora nei prossimi decenni.

Se da un lato gli stili di vita e di consumo, uniti ai modelli economici e produttivi dominanti, non sono sostenibili, non dimentichiamo che per una grossa fetta della popolazione mondiale l'accesso all'acqua potabile è un diritto ancora negato: sono circa 748 milioni le persone non hanno accesso a una fonte di acqua potabile e 2,5 miliardi non utilizzano strutture di servizi igienico-sanitari.

Limpegno di LVIA va nella doppia direzione di migliorare da un lato l’accesso all'acqua potabile per milioni di persone in Africa  - in particolar modo supportando le fasce più deboli della popolazione (donne, bambini e anziani) -  e dall'altro di garantire un utilizzo sostenibile della preziosa risorsa, rafforzando i modelli di gestione tradizionale delle sorgenti e migliorando così la resilienza delle comunità locali.

In occasione della Giornata Mondiale dell'Acqua, LVIA organizza un'intera settimana di eventi di sensibilizzazione e a supporto quest'anno delle comunità agro-pastorali delle zone rurali di Kenya e Tanzania, raggiungendo oltre 7.000 persone.

Dal 14 al 22 marzo non perdere l'occasione di partecipare e di diventare un portatore d'acqua!

In occasione della
 
 
 
La ricorrenza, istituita dalle Nazioni Unite nel 1992, accende i riflettori sul diritto di ogni persona di poter disporre di acqua, cibo ed energia. 
 
Il tema della giornata mondiale dell'acqua 2015 è "Acqua e sviluppo sostenibile"
 
LVIA organizza la
Settimana dell'Acqua 2015
 
 
Quest'anno la Settimana dell'Acqua si terrà dal 14 al 22 marzo.  L'obiettivo è quello di sensibilizzare ad un uso sostenibile delle risorse idriche, destinato a soddisfare il fabbisogno attuale, senza compromettere la capacità per le future generazioni di soddisfare al proprio. 
 
Nell'ambito della 
 
 
 
Dal 2003 la Campagna Acqua è Vita ha permesso a LVIA di sostenere progetti idrici in Africa, garantendo l’accesso permanente all’acqua potabile e ai servizi igienici per 1 milione di persone in 10 paesi africani.
 
 
Le iniziative territoriali
 

Una settimanda di attività, incontri, eventi per parlare di acqua come diritto per la vita e come strumento importantissimo per uno sviluppo sostenibile.

Progetti sostenuti 

Quest'anno tutto il ricavato delle iniziative sosterrà i progetti idrici a supporto delle comunità agropastorali nelle zone rurali del Kenya e della Tanzania! 
 

...Cosa puoi fare tu?

Partecipa agli eventi

Diventa volontario

Sostieni i nostri progetti

    

 
La LVIA è verificata dall'IID, ente garante della trasparenza ed efficienza nella gestione dei fondi

Torino, 8 marzo: festeggia con LVIA la Giornata Internazionale della Donna

 

LVIA vi invita allo spettacolo di teatro-canzone "Però mi vuole bene" 

a sostegno del Progetto LVIA per le donne vittime di violenza a Addis Abeba - Etiopia

Il progetto

La capitale etiope Addis Abeba, con una popolazione di più di 3 milioni di persone e il continuo flusso migratorio dalle zone rurali porta a situazioni di degrado e di isolamento. Le più colpite sono le donne, spesso obbligate alla prostituzione come unico sostentamento per la loro sopravvivenza. La necessità di creare un processo per fermare la discriminazione e la violenza contro le donne attraverso la tutela dei loro diritti, è indispensabile.
LVIA, in collaborazione con l’associazione etiope Sister’s Self Help Association (SSHA) promuove nel quartiere più povero di Addis Abeba, quello di Kirkos, azioni di formazione e sensibilizzazione sui diritti legalmente riconosciuti alle donne, in ambiente domestico e di lavoro. Inoltre si impegna nella diffusione delle pratiche di prevenzione dell’HIV e altre malattie trasmesse sessualmente.

 

I CONTRIBUTI RACCOLTI ATTRAVERSO L'APERICENA E IL CONCERTO ANDRANNO A SOSTENERE IL PROGETTO DESCRITTO.

 

Programma:

ore 19 apericena al CECCHIMANGIA  (posti limitati, consigliata prenotazione)
ore 20,45 concerto del gruppo vocale Gli Abbaini

Gli Abbaini

Il gruppo vocale Gli Abbaini è una formazione al femminile, che attraverso brani di musica leggera e la lettura di testi con una voce narrante, affronta il tema della violenza di genere, con leggerezza e profondità, con ironia e passione. 

voce narrante Olivia Buttafarro

arrangiamenti, pianoforte e direzione del coro Floriana

 

 

CECCHI POINT • Via Cecchi, 17 • TORINO

Contributo APERICENA + CONCERTO: € 15

Contributo SOLO CONCERTO: € 10

 

Info e prenotazione

L.V.I.A. tel. 011.74.12.507  - italia@lvia.it  - Compila il modulo on line - Trova l'evento su Facebook

 

Vi aspettiamo numerosi! 

Scarica e diffondi il volantino

 

 

 
 
 
 

Papa Francesco alla FOCSIV: i volontari veri testimoni di carità, operatori di pace, artefici di giustizia e solidarietà

"La solidarietà è un modo di
fare la storia con i poveri, rifuggendo
da presunte opere altruistiche
che riducono l’altro alla passività."
 
Papa Francesco
 

Roma, 4 dicembre 2014, ore 12.00. Migliaia di persone attendono Papa Francesco in Aula Paolo VI per l'udienza generale. Sono i rappresentanti delle Associazioni di Volontariato Internazionale federate FOCSIV - Volontari nel Mondo, giunti a Roma alla vigilia della Giornata Mondiale del Volontariato, che ci festeggia il 5 dicembre.

La Focsiv è la più grande federazione italiana di organismi di volontariato internazionale di ispirazione cattolica: 70 le associaizoni che la costituiscono, circa 600 volontari italiani e circa 3mila operatori locali impegnati in 470 progetti di sviluppo. A differenza degli altri anni, quest'anno la festa del volontariato FOCISV è stata arricchita dalla presenza del Papa, che nel suo discorso ha voluto ringraziare i presenti per il lavoro di 42 anni dell'organismo: "La vostra Federazione svolge una preziosa azione nel mondo. È immagine di una Chiesa che si cinge il grembiule e si china a servire i fratelli in difficoltà".


 
Il Presidente della Focsiv Gianfranco Cattai

Gianfranco Cattai, Presidente della Focsiv, poco prima nel suo discorso aveva detto - riuscendo a valorizzare una delle frasi più incisive e discusse dei primi discorsi del Papa: «Santità, lei ha giustamente sottolineato che la Chiesa non è una Ong. Ma noi siamo Ong che vogliono essere Chiesa, espressione viva e credibile dell’invito di Gesù ad amare come lui ci ha amati per le strade del mondo». 

Tornando nei propri uffici, nelle proprie sedi di lavoro, rimettendosi in gioco nelle diverse attività è inevitabile chiedersi come questo incontro possa davvero incidere sul modo di operare, sulla capacità di saper vedere e cogliere alcuni aspetti piuttosto che altri per orientare le proprie azioni in prospettive di più ampia veduta e soprattutto sempre al servizio della Carità e non in una logica di guadagno e di priorità dettate dalle sovrastrutture dei finanziatori.

Gli spunti di riflessione possono essere tanti, alcuni ci hanno colpito molto: in un mondo che cambia freneticamente e con esso si trasforma il volto delle povertà, Papa Francesco ci ricorda come "tra i poveri maturano aspettative diverse: aspirano ad essere protagonisti, si organizzano, e soprattutto praticano quella solidarietà che esiste tra quanti soffrono, tra gli ultimi. Voi siete chiamati a cogliere questi segni dei tempi e a diventare uno strumento al servizio del protagonismo dei poveri. Solidarietà con i poveri è pensare e agire in termini di comunità, di priorità della vita di tutti sull’appropriazione dei beni da parte di alcuni".

Il vero volontariato deve uscire da una logica di assistenzialismo, occorre "lottare contro le cause strutturali della povertà: la disuguaglianza, la mancanza di un lavoro e di una casa, la negazione dei diritti sociali e lavorativi." La storia della FOCSIV, così come quella di LVIA e di tantissimi altri enti di volontariato internazionale è una storia di solidarietà al servizio del bene comune e delle persone e questo discorso e questa esortazione non ci lascia indifferenti.

Leggi l'articolo di Avvenire con l'intero discorso del Papa

Guarda tutte le foto dell'udienza

L'assemblea ascolta il discorso del Papa Sandro Bobba Presidente LVIA e Papa Francesco Il discordo di Cattai, Presidente Focsiv

 

 

Un pozzo di stelle: cena per un Natale solidale

 

Quest'anno si festeggia il decennale del consueto appuntamento che LVIA propone al territorio cuneese in occasione delle feste imminenti: la Cena del Natale solidale!

Il titolo della cena dell'edizione 2014 è: "Un pozzo di stelle" e si svolgerà il 13 dicembre a San Pio, presso la Parrocchia di Cerialdo. L'appuntamento è per le ore 19.45 e il costo è di 18 euro oppure di 10 euro per chi deciderà di aderire ad una della "micro" proposte per sostenere diversi attività in Kenya.

La vera notizia è che questo appuntamento, giunto dunque alla sua decima edizione, è davvero un'attività di solidarietà dal basso, poiché ad organizzarla sono i giovani delle scuole del cuneese che nell'estate precedente hanno partecipato al viaggio di conoscenza e solidarietà di LVIA all'interno del progetto "Ujamaa - conoscersi per dialogare".

Ujamaa è molto più che un semplice viaggio, è un percorso educativo che LVIA promuove nelle scuole di Cuneo e provincia, il cui scopo è quello di aprire una finestra sulle realtà del Sud del mondo, approfondendo in particolare il contesto di uno dei Paesi africani nei quali LVIA è presente. Al termine del percorso formativo, ogni anno gli studenti delle scuole superiori e dell’università effettuano un viaggio di conoscenza nel paese trattato ed individuano alcune realtà che desiderano sostenere.

La cena di quest’anno è finalizzata a garantire l’accesso all’acqua alla popolazione dell’area semidesertica di Merti attraverso la riabilitazione di pozzi ed all’istallazione di serbatoi per la raccolta dell’acqua piovana, anche per affrontare preventivamente le situazioni di severa siccità che periodicamente colpiscono quest’area. Inoltre, l’iniziativa offre la possibilità, in occasione del Natale, di scegliere un regalo di solidarietà attraverso il finanziamento di “microprogetti” di diverse associazioni che i ragazzi hanno conosciuto in viaggio. Per ogni progetto verrà rilasciato un segnalibro od un biglietto di auguri ed un oggetto di artigianato africano che potrete offrire in regalo.

Per motivi organizzativi, è necessaria la prenotazione (che si può effettuare telefonando a LVIA: telefono 0171-696975 dalle ore 8:30 alle 12:30 e dalle 14:30 alle 18:30) entro il 9 dicembre!

Scarica la locandina

 

Acqua è vita: dal 10 al 26 novembre la Campagna sms

Acqua è Vita: invia un sms o chiama il 45591!

Più del 90% del consumo mondiale di acqua è concentrato in pochi Stati.  In Italia ne consumiamo ogni giorno 400 litri a testa.

In base ai dati diffusi da Oms e Unicef,ogni giorno nel mondo:

780 milioni di persone non hanno accesso all'acqua potabile(la maggior parte vive in Africa Saheliana);
più di 2,5 miliardi di persone non hanno accesso ai servizi sanitari di base;
più di 4.000 bambini sotto i 5 anni di età muoiono per la cattiva qualità dell’acqua;
173 milioni di dollari sono la perdita di produttività mondiale stimata per inattività lavorativa causata dalla mancanza di accesso     all’acqua;
1,22 milioni di giornate scolastiche vengono perse a seguito delle malattie connesse alla mancanza di acqua e di servizi igienico-sanitari.

Nascendo in Etiopia, avremmo appena il 50% di possibilità di avere accesso ad una fonte d’acqua potabile; in Kenya, il 60%. I dati differiscono da regione a regione e dal contesto, urbano o rurale, in cui viviamo. Chi nasce oggi nelle regioni rurali di West Arsi (Etiopia) e di Isiolo (Kenya) vive situazioni drammatiche, legate alla mancanza d’acqua pulita. LVIA opera in queste due regioni con la costruzione di infrastrutture idriche e la diffusione di competenze per una gestione autonoma delle opere realizzate. In quasi 50 anni di impegno, l’associazione ha portato acqua a oltre 3 milioni di persone in Africa

Ora con il tuo sostegno possiamo garantire questo diritto ad altre 10mila persone in Kenya e in Etiopia. Il Corno d’Africa è tra le regioni più colpite dal cambiamento climatico e ciclicamente si manifestano delle drammatiche siccità, come quella del 2011, quando le piogge sono mancate per un anno e mezzo e 11 milioni di persone sono rimaste senza acqua né cibo.

Dal 10 al 26 novembre, inviando un SMS o chiamando il 45591, tutti possono contribuire al progetto “Acqua è Vita: doni 1 euro con un sms da cellulari Vodafone, Wind, 3, PosteMobile, CoopVoce, Nòverca. 2 euro con chiamata da rete fissa da operatori Fastweb, Teletu, TWT.

 

 

 

All Rights: giovani e politici a confronto. Dal 7 al 10 novembre un seminario di dialogo strutturato!

Fra una settimana, dal 7 al 10 Novembre LVIA, in collaborazione con il Coordinamento Comuni per la Pace della Provincia di Torino e il Consorzio Ong Piemontesi e con il sostegno della Commissione Europea - Programma Gioventù in Azione, riproporrà una seconda edizione del Seminario di dialogo tra giovani e responsabili locali delle politiche giovanili per progettare una città “a misura di giovani”.

Siete pronti?? "ALL RIGHTS" è tornato!!

Dal 7 al 10 Novembre LVIA, in collaborazione con il Coordinamento Comuni per la Pace della Provincia di Torino e il Consorzio Ong Piemontesi e con il sostegno della Commissione Europea - Programma Gioventù in Azione, ha riproposto la seconda edizione del Seminario di dialogo tra giovani e responsabili locali delle politiche giovanili per progettare una città “a misura di giovani”.

Maggiori informazioni sulla prima edizione!

L'evento si è svolto a Torino, presso la Casa della Mobilità Giovanile Open011 in Corso Venezia 11, come momento di incontro e scambio innanzituttto tra i giovani con i quali da diversi anni sul territorio italiano LVIA è impegnata con attività educative per stimolare il protagonismo giovanile nelle aree più disagiate e multietniche delle nostre città. Il principale scopo del Seminario dal motto “ALL RIGHTS!”- che sta per “Pari Diritti per Tutti” - è stato quello di migliorare le competenze e le attitudini civiche dei giovani e sviluppare il dialogo strutturato tra giovani e politici, attraverso il quale discutere l’elaborazione di politiche locali partecipate dai giovani che abitano il territorio, per la costruzione di società inclusive ed interculturali.

Alessandro Bobba, presidente di LVIA, spiega: «La nostra esperienza e il lavoro educativo nelle scuole e nelle piazze ci ha dimostrato che molti giovani che abitano le nostre città, sia italiani che stranieri, hanno voglia di partecipare alla vita cittadina e di migliorarla con le loro proposte per una migliore partecipazione sociale e interculturale. Hanno però bisogno di intravedere un’opportunità e un canale di dialogo: questo Seminario vuole essere occasione reale di confronto e progettazione».

Il Seminario ha coinvolto 60 giovani italiani e di origine straniera provenienti da 6 città: Pinerolo, Torino, Cuneo, Bologna, Forlì, Caltanissetta che potranno approfondire le tecniche della progettazione partecipata da sperimentare successivamente sui propri territori coinvolgendo politici e mondo associativo locale al fine di realizzare attività di partecipazione giovanile e intercultura.  

L’utilizzo degli strumenti offerti dal web 2.0, quali blog e social network, ha garantito un’ampia diffusione dal basso dei contenuti promossi e delle proposte che emergeranno dal dialogo e dal confronto tra giovani e politici sui temi oggetto del seminario, prima, durante e dopo l’incontro nazionale.

Seguiteci su:

twitter: @allrights2012

facebook: All Rights

youtube: All Rights: giovani e politici a confronto

La cooperazione è cambiata #aggiornalavaligia!

Lo sai che in Uganda ci sono più telefoni cellulari che lampadine? E che l’Africa è il primo continente per pagamenti via mobile, non solo trasferimenti di denaro, ma anche pagamenti di servizi come elettricità, tasse scolastiche o connessione a internet? Il mondo cambia. E la cooperazione internazionale? Il 30 ottobre dalle ore 11 un evento* in streaming con interventi dal Senegal, dal Burkina Faso, dalla Colombia e dall’Italia per presentare il nuovo sito di Ong 2.0 e il kit del “cooperante digitale”.

Il progetto: Ong 2.0Cambiare il Mondo con il web

Lo sai che in Uganda ci sono più telefoni cellulari che lampadine? E che l’Africa è il primo continente per pagamenti via mobile, non solo trasferimenti di denaro, ma anche pagamenti di  servizi come elettricità, tasse scolastiche o connessione a internet? Nel 2014 gli abbonamenti mobile hanno raggiunto i 9 miliardi, come la popolazione mondiale e quelli fissi i 4 miliardi.  Due terzi provengono dai paesi in via di sviluppo.

Il mondo cambia. E la cooperazione internazionale?

Il progetto "Ong 2.0 - cambiare il Mondo con il web" è promosso dalla ONG CISV in partenariato con le ONG ACCRI, ADP, CELIM, COPE, EsseGiElle, LVIA, OVCI, è attivo dal 2013 è ha ottenuto il sostegno del Ministero degli Affari Esteri. Ong 2.0 è una community e un centro di formazione online per l’uso avanzato del web e delle ICT nella cooperazione internazionale. Nasce nel 2011 dall’esperienza trentennale di Volontari per lo Sviluppo, testata di cooperazione internazionale edita dalla Federazione nazionale delle ong italiane Focsiv, che riunisce 65 ong, per formare una nuova generazione di persone e associazioni. Capaci di vivere il web, comunicare, collaborare e coordinarsi in rete, realizzando la cooperazione in modo totalmente innovativo. 

L’azione si concretizza in: rassegna di news sull’innovazione nella cooperazione, creazione di eventi informativi online a grande pubblico (webinar) e training di formazione tecnica,  sperimentazione delle nuove tecnologie per ong e associazioni non profit in progetti di sviluppo, spazio di incontro e dibattito sui social network. 

Prossimi eventi

Scopri i prossimi appuntamenti e le proposte formative:

 

Webinar gratuiti

  • MITI E INCOMPRENSIONI SUGLI OBIETTIVI DI SVILUPPO DEL MILLENNIO -

1 aprile 18-19:30

  • Fotogiornalismo e reportage nei paesi in guerra - 8 aprile ore 18-19,30

 


Webinar a pagamento

  • INFOGRAFICHE PER IL NON PROFIT, CORSO INTRODUTTIVO

28 APRILE e 5 MAGGIO 2015 (13h-15h) 19 e 26 MAGGIO 2015 (18h-20h)

 

  • INFOGRAFICHE PER IL NON PROFIT, CORSO AVANZATO 9, 16, 22 e 25  giugno

 

  • FACEBOOK PER PROMUOVERE LE TUE ATTIVITÀ, LIVELLO AVANZATO 10, 12 e 19 GIUGNO 2015 -18h-20h

 

  • IL GIS OPEN SOURCE PER L’ANALISI AMBIENTALE NEI PVS, IV EDIZIONE CORSO COMPLETO CON CERTIFICAZIONE – QUARTA EDIZIONE                 

20 APRILE – 28 MAGGIO 2015 base

25 MAGGIO – 9 LUGLIO 2015 avanzato

 


  • TECHNOLOGICAL INNOVATION FOR SOCIAL CHANGE IN THE GLOBAL SOUTH

aprile - giugno 2015  h 18 –19.30

 

-AgriRevolution: technology for agriculture and water

13, 20, 27 aprile & 4 maggio

-Beyond mBanking: ICTs for financial inclusion

14, 21, 28 aprile & 5 maggio

-Doctors on a fingertips: ICTs for health

15, 22, 29 aprile & 6 maggio

-ICTs for democracy, activism, human rights and humanitarian aid

16, 23, 30 aprile & 7 maggio

-Spatial ICTs for community empowerment

14, 18, 21, 25 maggio

-Technology for data collection, monitoring and evaluation

4, 8, 11, 15, 18 giugno

 

 

PER MAGGIORI INFORMAZIONI CONSULTA LA SEZIONE FORMAZIONE DEL SITO ONG 2.0!

 

 


Nel quadro di questo progetto LVIA organizza il 28 aprile 2015 l'evento

"SCENDO IN CAMPO: LE ICT CONTRO LO SPRECO, PER IL DIRITTO AL CIBO" 

 


 

Sabato 25 ottobre, Torino: Fondazioni for Africa a Terra Madre

Sabato 25 ottobre 2014, dalle 14.00 alle 16.00 presso il Centro Congressi Lingotto - Sala Madrid, in via Nizza 280 a Torino "La Terra che vogliamo e perché. L’agricoltura familiare come terreno d’incontro tra migrazioni e sviluppo".

L'incontro è promosso da Fondazioni for Africa Burkina Faso - progetto di cui LVIA è partner* - nell'ambito di Terra Madre 2014. L'edizione di quest'anno è incentrata sull'agricoltura familiare, tema a cui le stesse Nazioni Unite hanno dedicato il 2014: il sostegno a questo tipo di agricoltura è una delle basi su cui costruire il futuro dell’Africa, in quanto modello  produttivo che rispetta l’ambiente, propone un’alimentazione sana con filiera corta, promuove lo sviluppo economico e sociale locale.

In questa sfida un ruolo determinante hanno oggi le tante associazioni di migranti presenti in Italia impegnate per lo sviluppo delle loro terre d’origine ed è per questo molto interessante capire le loro idee, visioni e le prospettive che propongono, anche in merito alle sinergie possibili con enti locali, organizzazioni della società civile, centri di ricerca, privati che lavorano per lo stesso obiettivo. Dalla voce dei migranti e dei piccoli produttori africani, storie di strade percorribili per trasformare la cultura del cibo e di un’agricoltura sostenibile in nuova cultura di cooperazione tra diverse terre del mondo.

Intervengono:

Modou Gueye, Presidente Associazione Sunugal, Italia -Senegal
El Hadji Gueye, produttore associato a Sunugal Senegal
Ahmadou Matar Dieng, Associazione Senegalesi a Torino
Aichatou Sarr, Presidente Associazione Stretta di Mano, Italia-Senegal
Flora Tognoli, Presidente Associazione Watinoma, Italia Burkina Faso
Bernadette Monné, Groupement Dollebou, gruppo di donne produttrici di burro di karitè,  Burkina Faso
Fanta Tiemtoré, Presidente Associazione Mirage Burkina
Marcel Bouda, Presidente Associazione di produttori ASK, Burkina Faso
Arouna Zanre, Associazione Burkinabé di Reggio Emilia ed Emilia Romagna

Conclusioni: Eddie Mukibi, Vice Presidente Slow Food International
Modera: Marzia Sica, Compagnia di San Paolo, Fondazioni for Africa Burkina Faso

Al dibattito partecipano i rappresentanti di enti locali, di ONG, di università, istituti di ricerca e del mondo delle imprese.

Info e prenotazioni – info@fondazioniforafrica.org – tel. + 39.3404002568

*Fondazioni for Africa Burkina Faso è un’iniziativa promossa da 25 Fondazioni di origine bancaria associate all’Acri in collaborazione con numerose organizzazioni italiane, partner locali, associazioni di produttori e di migranti burkinabè, enti locali e organizzazioni internazionali. Obiettivo comune: costruire insieme un partenariato per lo sviluppo sostenibile tra Italia e Burkina Faso per il diritto al cibo e la sicurezza alimentare. 

Condividi contenuti

LVIA - Via Mons. Peano 8 b - 12100 Cuneo - c.f. 80018000044 - Contatti
Area Riservata - Privacy